Bentrovati e Buon Anno nuovo!

Per iniziare all’insegna della fiorentinità questo 2019, voglio portarvi in un ristorante della città che, seppur nato da neanche un anno, in così poco tempo ha conquistato Firenze ed i fiorentini, dedicandosi al prodotto che meglio rappresenta la sua cucina in Italia e nel mondo. Venite con me che oggi vi porto da “Regina Bistecca”.

D’altra parte non c’è un solo fiorentino a cui non sia stato chiesto almeno un centinaio di volte nella vita, quale fosse il miglior ristorante per mangiare una “fiorentina”, il famoso patrimonio culinario della città. Ma dare una risposta a questa tipica domanda è sempre stato complicato, perfino per Matteo Perduca ed il suo socio Simone Arnetoli, proprietari di “La Regina Bistecca”. Già fondatore della prestigiosa e rinomata ditta di baqueting e catering “Il Galateo”, nonché di “Toscanino”(esporta i prodotti toscani); Simone ha aperto un vero e proprio tempio di lusso della Bistecca.

Si trova al civico 6 di Via Ricasoli, dove dal 1875 , proprio di fronte al Teatro Niccolini, si trovava la Libreria Antiquaria Gonnelli, storica istituzione in tutta Italia, appartenente alla stessa famiglia da quasi 150 anni e frequentata da illustri nomi dell’arte e della cultura, come Gabriele D’Annunzio e Benedetto Croce. La “Saletta Gonnelli” infatti, durante la sua storia, è diventata un luogo di incontro per gli artisti del ‘900. Al suo posto, oggi che la Libreria si è trasferita in Piazza D’Azeglio, dallo scorso Febbraio regna “La Regina Bistecca”: un ristorante che fonde il gusto e la qualità della cucina toscana alla cultura ed alla tradizione della città.

Arredato in legno, con numerosi ed importanti quadri e sculture, librerie d’epoca, un ballatoio con una collezione di oltre 400 volumi di cucina di proprietà di Matteo. Per quanto sia perfetto il ristorante, quel che più colpisce è la minuziosa cura dei dettagli, così come la griglia a carbone ed il braciere al suo fianco, sempre vivo.

Ma veniamo, finalmente, alla vera protagonista di questo posto e all’imbarazzo della scelta che si ha nel dover decidere tra bistecca Marchigiana, Black Angus , la selezione Europea , la cosiddetta “Nobile” ed infine, sua maestà la Chianina.Oltre alla bistecca, nel menù troverete anche tartare, il roastbeef, il lampredotto, la trippa, il Vitel tonnè e – incredibile ma vero – anche gustosissimi piatti a base di pesce (il Baccalà è divino!) . La Regina Bistecca offre inoltre ben 3 tipi di degustazione rispettivamente da 25, 43 e 59 euro.

Grande risalto al territorio ed ai suoi sapori, viene data anche dalla selezione dei vini con ottime referenze toscane e adatti ad ogni tipo di tasca. In alternativa vi consiglio i long drink dal Florentine American Bar del locale: qui i Negroni è davvero speciale! Per concludere, il personale è molto attento, preciso e di grande aiuto nel consigliare la clientela e, visto il successo che sta avendo, è consigliabile la prenotazione e tenete conto che è aperto a pranzo e a cena ma chiuso il Lunedì.